Fondotinta e acne:la mia esperienza

zit-blog-small                                                               immagine presa da google.it

Torniamo a parlare di acne un argomento che mi sta molto a cuore dato che questa simpatica patologia mi tormenta dalla tenerà età di dodici anni.
Tutto questo tempo passato a combatterla mi ha insegnato parecchio e mi ha portato spesso e volentieri a litigare con un numero imprecisato di dermatologi improvvisati pronti a svelarmi la grande verità,quella che io povera fanciulla  ignoravo : l’acne è causata dal fondotinta.
Ora,prima di procedere oltre e parlarvi della MIA esperienza vi ricordo che se soffrite di acne dovete rivolgervi ad un dermatologo dato che solo un medico può dirvi cosa fare o non fare, non mi stancherò mai di ripeterlo. I rimedi casalinghi, i consigli di amici/parenti/nonne/passanti non aiutano e rischiano spesso di peggiorare la situazione.
Detto questo veniamo al dunque: il fondotinta.
Ho iniziato ad usarlo molto presto, mentre le mie amiche compravano i primi gloss trasparenti  – gli anni 90,quintali di gloss,labbra appiccicose e capelli in bocca,oh yeah – io ero alle prese con i primi fondotinta. La mia passione/ossessione per questo cosmetico è nata allora,quando ho capito che poteva aiutarmi a vivere meglio la mia situazione mitigando l’aspetto delle mille imperfezioni che mi tormentavano.
Un sacco di gente era pronta frenare il mio entusiasmo, continuavano a ripetermi che il fondotinta avrebbe probabilmente peggiorato la mia acne quindi  sono corsa dal dermatologo in cerca di risposte e mi sono sentita dire che il fondotinta non causa l’acne ma può peggiorarla se non vi prendete cura della vostra pelle nel modo giusto.

qui potete tirare un luuuungo sospiro di sollievo prima di leggere i miei consigli da due euro e cinquanta

Pronte per una serie di consigli in perfetto stile scoperta dell’acqua calda? benissimo

1. Preparare la pelle

E’ buona norma, prima di applicare qualsiasi tipo di fondotinta preparare la pelle con una buona crema idratante. Questo non vi aiuterà solo ad ottenere un effetto migliore in termini di applicazione ma creerà una barriera tra la vostra pelle e il fondotinta.
Anni fa usavo unicamente creme consigliate dal dermatologo col tempo invece ho iniziato a sceglierle autonomamente. Conosco la mia pelle e so che tipo di prodotto preferire, voi potete tranquillamente affidarvi al medico se temete di sbagliare.

2. Struccarsi

Parola d’ordine:struccarsi sempre anche se sono le cinque del mattino,anche se siete stanche e non volete fare altro che buttarvi sul letto e dormire.
Andare a letto con residui di trucco è la cosa peggiore che potete fare per la vostra pelle specie se soffrite di acne. Non è vero che chi ha problemi di acne non si lava – un’altra delle cazzate che sento speso in giro – ma è verissimo che trascurare la propria pelle peggiora la situazione quindi ricordate  che se decidete di truccarvi dovete aver cura di rimuovere tutto e andare a letto con la pelle perfettamente pulita e idratata.
Anche qui sta a voi scegliere il tipo di prodotto che preferite a patto che svolga bene il suo compito.

3. Ma i siliconi ci uccideranno tutti/e?

Quando ho iniziato ad approfondire il discorso INCI e ad informarmi sugli ingredienti contenuti nei cosmetici ho attraversato una fase di panico e paura,fase nella quale ho smesso di utilizzare tutti i fondotinta che contenevano siliconi e altre bestie feroci e ho iniziato a testare fondotinta bio e minerali. Alcuni prodotti mi sono piaciuti altri meno e dopo circa un anno sono tornata al lato oscuro e il motivo è semplice : performance.
Io ho una pelle parecchio rovinata e esigente,anche ora che non ci sono sfoghi attivi – tipo i vulcani si – ho comunque molte macchie da coprire e una grana tutt’altro che regolare.
Capirete che sono molto esigente quando si tratta di fondotinta e quelli bio che ho provato non mi hanno dato i stessi risultati in termini di coprenza,applicazione,finish e durata e devo dire che nel periodo in cui usavo esclusivamente fondotinta dall’inci verde non ho notato particolari miglioramenti. Dico questo perchè sento spesso dire che le persone con problemi di acne dovrebbero solo prodotti dall’inci verde,privi di siliconi ecc ecc, beh secondo me non è così.
L’esperienza mi ha insegnato che esistono ingredienti potenzialmente comedogeni  ma non è detto che l’effetto sulla pelle sia disastroso come temiamo,sono convinta che alla base di tutto c’è la pulizia del viso e non solo.

4. Pulizia di pennelli,spugnette e altri “attrezzi del mestiere”:

Io non ho solo una fissa per tutti i fondotinta presenti sul mercato,no. Sono anche ossessionata dai pennelli per il viso. Da quando ho scoperto l’enorme differenza che può fare l’uso di un pennello in termini di resa del prodotto sul viso non sono più tornata indietro e,salvo problemi di tempo,preferisco quasi sempre il pennello alle dita o alle spugnette. Ho in mente un post dedicato proprio ai miei tre pennelli viso preferiti ma questa è un’altra storia – uno sticazzi ve lo concedo,sentitevi libere -.
Qualunque sia il metodo di applicazione che preferite ricordate di prestare particolare attenzione alla pulizia di pennelli e spugnette (mi sembra inutile sottolineare che se preferite applicare il fondo con le dita queste devono essere pulite,vero?). Un pennello o una spugnetta sporca possono rivelarsi letali in termini di igiene e causare veri e propri sfoghi quindi armatevi di detergente e pazienza e ricordatevi di lavare con costanza i vostri “attrezzi del mestiere”.
Esistono in commercio detergenti pensati appositamente per lo scopo ma non dovete per forza dannarvi alla ricerca di un prodotto simile,potete tranquillamente scegliere di usare una saponetta o uno shampoo che avete in casa. Personalmente mi trovo bene con la saponetta di marsiglia, pulisce perfettamente i pennelli in poco tempo senza rovinare le setole.

E queste sono le mie non richieste e probabilmente inutili considerazioni sulla questione fondotinta VS acne. Probabilmente non vi ho detto nulla di nuovo e particolarmente interessante ma ci tenevo a scrivere due righe sull’argomento.
Se avete qualche consiglio da darmi sappiate che lo accetto volentieri!

Si parla di acne anche qui tanto per restare allegri.

Favim.com-17344

 

Annunci
Fondotinta e acne:la mia esperienza

September most played:

 

P1180271

Settembre è finito ed è ora di parlare dei prodotti più usati del mese, Chiara sappi che ho una gran voglia di biscotti!! (qui tutte le info sul #teammostplayed)

Charlotte Tilbury Filmstar Bronze and Glow:

Inizio subito con un prodotto che ha superato le mie aspettative,evviva.
Quando ho deciso di regalarmi questa piccola meraviglia firmata Charlotte Tilbury pensavo di ritrovarmi con un prodotto da “occasione speciale”,di quelli che eviti di applicare quando vai di fretta e hai solo pochi minuti  da dedicare alla base e invece mi sbagliavo: questo duo è perfetto SEMPRE, sia per il giorno che per la sera, le polveri sono facilissime da sfumare e l’effetto sulla mia pelle chiara dal sottotono caldo è molto naturale. Da quando è in mio possesso lo uso praticamente tutti i giorni, temo il giorno in cui bucherò la cialda ma è presto per pensarci – dai Rebecca,non comportarti come una pazza – .

L’Oreal According Perfect Fondotinta “Ivory”:

Questo mese il caro e amatissimo 123Perfect di Bourjois ha avuto un degno avversario. Ho iniziato a guardare con curiosità questo fondotinta dopo che Bea/Strawberry Makeup Bag ne ha parlato bene in uno dei suoi post questo perchè NON sono una ragazza facilmente influenzabile.
Si tratta di un prodotto dalla texture molto leggera, preferisco applicarlo con un pennello flat – ciao F80 di Sigma,ti amo tanto –  in modo da lavorare al meglio il prodotto sul viso e ottenere una buona coprenza(definirei comunque la coprenza leggera/media). Ve ne parlerò presto* in post dedicato..

*presto per i miei standard,tipo tra quindici o vent’anni..

Eve Lom Radiance Lift Foundation “alabaster”:

Una mezza delusione pagata a caro prezzo.
La review è quasi pronta – mancano le solite raccapriccianti foto del prima/dopo – quindi non mi dilungo troppo,vi anticipo solo che non vale le cinquanta sterline che costa,proprio no. Qualcosa di positivo c’è ma visto il prezzo mi tocca essere severa,da un fondotinta così costoso e pensato per le pelli più esigenti mi aspetto molto ma molto di più. Riguardo agli aspetti positivi : ho beccato il colore perfetto per la mia pelle,addirittura un filo più chiaro,copre bene i rossori ma l’applicazione non è piacevole come speravo.

 Lush Let the good times  roll/Maisenza detergente viso:

Sarò breve  – si vi beccherete anche la mia review,evviva  – : come ho fatto a vivere fin’ora senza un detergente con questo profumo paradisiaco?!

September most played:

Espresso part 2

P1180224
Tadaaaan! (?)

Torno con una serie di foto del mio faccione solo per mostrarvi una combo labbra che sto letteralmente amando in questo periodo.
Trattasi della matita labbra n°37 di Astra abbinata al mio amatissimo Espresso di NYX, sono letteralmente in fissa con le labbra scure e continuo a mangiarmi le mani per non aver comprato Instigator di MAC  – stupida me,maledetta me – .

123

viso:

Eve Lom Radiance Lift Foundation “alabaster”
Aleguaras fondotinta minerale”light olive”
Dermablend correttore stick  n°15 “opal”
Chantecaille cipria in polvere libera
Clarins Instant concealer n°1 “beige jaune”
Charlotte Tilbury Filmstar Bronze & Glow

occhi:

Nabla ombretto refill “atom”
MAC blush “harmony”
Bellaoggi matita sopracciglia “black”
Diego dalla Palma Gel sopracciglia “brown” L.E
Essence mascara I love extreeme
Laura Mercier mascara Long lash “black”
H&M Eyeliner penna “black”

labbra:
Astra matita labbra n°37
NYX lipstick “Espresso”

e voi?
vi piacciono i rossetti così scuri o preferite toni più delicati?

Espresso part 2

There is a light that never goes out / Illuminanti promossi.

Un post che spende di luce propria.

Oggi vi parlo di un prodotto del quale ho fatto tranquillamente a meno per anni poi ho scoperto la magica arte del contouring e ho iniziato a prenderci gusto.
L’idea di poter ricreare uno zigomo sul mio viso e di aggiungere “luce” dove prima c’erano solo buio e angoscia mi allettava parecchio. Ho iniziato a piccoli passi scegliendo prodotti estremamente discreti e facili da applicare/dosare e solo quando mi sono sentita più sicura mi sono laciata su roba decisamente più strong.

Siccome ho provato prodotti diversi per texture e per resa sulla pelle ho pensato di pararvene in un unico e splendete post.

P1180104

Laura Mercier Secret Brightener 01 :

Illuminante ” a penna” dai delicati riflessi rosa, molo discreto e naturale. Il mio primo illuminante “serio” – tradotto: la prima volta che ho speso più di due euro per un prodotto simile  – si è rivelato un ottimo acquisto e mi ha aiutato a familiarizzare con questo lucente cosmetico. L’effetto sulla pelle è molto naturale, conferisce una luminosità leggera e discreta inoltre il packaging “a penna” rende l’applicazione facile e precisa anche per una principiante ,ha un ottima durata e riesco a portarlo tranquillamente di giorno e senza assomigliare ad un lampione. Non lo ricomprerò ma sono felice di averlo fatto dato che mi ha letteralmente aperto una finestra sul magico mondo degli illuminanti,grazie Laura!

Rouge Bunny Rouge Highlighting liquid “sea of clouds”:

Vi avevo accennato il mio amore per questo illuminante liquido nel post sui prodotti RBR (qui) e non posso che confermarlo. Mi piace perchè è davvero semplice da applicare e l’effetto sul viso è molto naturale. Lo applico dopo aver fissato fondotinta e correttore con una cipria e riesco a sfumarlo senza combinare guai e senza creare pasticci. Mi capita di aggiungerne una goccia al fondotinta quando scelgo prodotti molto coprenti per ottenere un effetto più luminoso e funziona benissimo,niente brillantini sparsi per tutta la faccia ma una luminosità diffusa e piacevole.

Estèe Lauder Poudre Gelèe “Heat Wave”:

Qui la questione diventa seria:
questo è un illuminante di quelli con I maiuscola, una vera bomba.
Va dosato con estrema cura altrimenti il rischio di trasformarsi in una palla da discoteca è altissimo ma applicato con mano leggera è a dir poco meraviglioso. La texture è morbidissima,la pigmentazione eccezionale e il fall out inesistente. Si tratta di un edizione limitata e faceva parte di una vecchia collezione estiva ma Estèè Lauder ripropone spesso questo genere di prodotti quindi occhio,potreste beccarlo presto in profumeria e nonostante il prezzo non proprio amichevole vi assicuro che ne vale la pena. Probabilmente non è l’illuminante più adatto per chi ha da poco iniziato a familiarizzare con questo tipo di prodotto ma credo che con un minimo di pratica possono cavarsela tutti. Io lo uso spesso sia come illuminante viso – tira fuori i zigomi CHE CIAO– sia come punto luce quando voglio aggiungere un tocco di ORO in un trucco occhi noioso (di quelli che faccio praticamente sempre).

Nabla ombretto “atom”:

Atom è un illuminante beige-rosato dal finish satinato. E’ l’ombretto perfetto per aggiungere un tocco di luce a qualsiasi makeup e grazie alla texture morbida e sfumabile può essere tranquillamente usato come illuminante viso. E’ uno degli ombretti Nabla che preferisco perchè trovo sia versatile e facile da usare. Se cercate un buon illuminante neutro ad un prezzo contenuto vi consiglio di dargli un’occhiata.

Charlotte Tilbury Filmstar Bronze & Glow :

Questo è  un acquisto recente ma da quando è in mio possesso lo uso praticamente tutti i giorni. Si tratta di un duo per il contouring e contiene un bronzer e un illuminante. Mi piace molto  la terra e apprezzo  il fatto che sia un prodotto facile da usare,perfetto per tutti i giorni e che non richiede particolare attenzione durante l’applicazione (ottima texture unita ad una pigmentazione buona ma non eccessiva,perfetto per le pelli chiare),stesso discorso vale per l’illuminante: un delicato color champagne che si nota e fa bene il suo lavoro ma senza risultare eccessivo. Uso tantissimo questo duo di giorno,si è rivelato davvero un ottimo acquisto.

* se leggendo il titolo vi siete ritrovate a canticchiare questa canzone avete tutta la mia stima mentre se non la conoscete potete recuperare, non è mai troppo tardi.

There is a light that never goes out / Illuminanti promossi.

Rouge Bunny Rouge Blush Wand /Review

 

fhjgfhjfhgfhgj

Non sono una fan dei blush in crema e fatta eccezione per quelli Chanel – la formula cream to powder è adorabile –  ho sempre trovato l’applicazione scomoda e la durata insufficiente. Questo non mi ha impedito di innamorarmi di Manet uno dei blush in crema di Ruouge Bunny Rouge e rischiare l’acquisto. Rouge Buny Rouge è un marchio che amo,fin’ora ho amato tutti i prodotti provati – ombretti in primis – e sono pazza del packaging semplicemente adorabile.

P1140092

Manet è un bellissimo color corallo,luminoso e pigmentato.
La texture è sottile,facile da applicare e sfumare con le dita.
Riesco ad applicarlo anche dopo la cipria senza combinare inguardabili pasticci e risulta molto naturale sulla mia pelle chiara dal sottotono giallo(NC15 MAC).
Il finish è opaco,diversamente da altri blush in crema non risulta lucido sulla pelle, l’effetto risultava piacevole anche quando la mia pelle era parecchio grassa.
La durata è buona, il colore perde intensità dopo circa quattro ore.
Si comporta benissimo anche come base per blush della stessa tonalità e fissato con una polvere la durata supera le cinque ore.

bbbfoto “utilissime2 -.-‘

swatch:


P1170817

e voi, mai provato uno dei blush Rouge Bunny Rouge?

Rouge Bunny Rouge Blush Wand /Review

August Most Played!

Most Played  di Agosto,un saluto affettuoso all’ideatrice Goldenviolet e via senza perdersi in chiacchiere:

P1170762

Bourjois Fondotinta 123 Perfect:

Review qui!
Che aggiungere? per me è uno dei migliori fondotinta in commercio e con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Se siete indecise per via dell’ordine online BUTTATEVI,non ve ne pentirete. Lo stracosiglio alle ragazze con una pelle da mista a grassa, è il vostro uomo!

Clarins Instant Concealer:

IL correttore illuminante.
Copre,illumina in modo naturale,si stende benissimo con le dita e ne basta poco: l’amore.
Consigliatissimo.

Tom Ford Illuminanting powder “01 translucent”

Una cipria eccezionale: è molto compatta e per nulla polverosa, la prima volta che l’ho applicata mi sembrava perfino troppo compatta ma mi è bastato vedere l’effetto che fa sulla pelle per cambiare immediatamente idea: opacizza e illumina senza “appiattire” il viso. E’ perfetta sia in combo con fondotinta dal finish opaco /semi-opaco sia con fondotinta più luminosi. Non evidenzia i pori e ha un buon potere opacizzante. Se la cava bene anche come cipria fissante per il contorno occhi proprio grazie alla texture super leggera insomma è una delle ciprie migliori che abbia mai provato.

Nars Velvet Matte Lip pencil “damned”:

Un giorno riuscirò a capire come funzionano le edizioni limitate NARS, un giorno ma non ora.
A quanto pare Damend non è attualmente disponibile ed è un vero peccato perchè questo matitone è davvero splendido: un berry violaceo intenso e opaco.
Grida autunno ma è stato il colore che ho indossato più spesso ad agosto questo perchè io e l’estate viaggiamo su rette parallele c’è poco da fare. La texture è ottima,scorre bene sulle labbra e pur essendo opaco non evidenzia particolarmente le pellicine con le quali sono in lotta da almeno un mese, argh!

E questi sono i prodotti più usati del mese,niente di negativo da segnalare. Mi sento una brava ragazza,di quelle che fanno acquisti intelligenti e non sbagliano un colpo.
Tenete a mente queste parole per il mese prossimo quando mi lamenterò delle giga-sòle collezionate..
addio.

August Most Played!

Review/ Bourjois 123 Perfect Fondotinta

“La vita è  breve,i fondotinta che voglio provare sono troppi”

Per una come ricomprare un fondotinta è un evento degno di nota, roba che stento a crederci persino io. Eppure è successo e sono qui per parlarvene,del resto eventi del genere meritano di essere celebrati.

Il fondotinta in questione e l’123 Perfect di Bourjois, un prodotto che desideravo provare da quando ho scoperto il marchio. Si tratta di un fondotinta formulato per contrastare occhiaie,rossori e colorito spento. Contiene pigmenti colorati  – verde per i rossori,giallo per le occhiaie e viola per illuminare il colorito – e questo è uno dei fattori che mi ha più incuriosito dato che il mio principale problema sono proprio i rossori e le discromie.

P1170754

la mia pelle:

NC15, post acneica e sensibile. al momento non ho particolari problemi di lucidità e fatta eccezione per la zona T la mia pelle è piuttosto secca. Il mio principale problema sono le macchie post acne e i rossori.

Avrete capito che la pelle non è la base più semplice su cui lavorare e proprio per questo sono molto esigente quando si tratta di fondotinta. Cerco un prodotto che mi dia una buona coprenza senza risultare però pesante o innaturale e l’123 Perfect si avvicina parecchio al fondotinta perfetto.

Credo che l’123 Perfect sia il fondotinta perfetto per chi cerca un prodotto dalla coprenza modulabile unita ad una texture leggera,piacevole da applicare e che non metta in risalto irregolarità della pelle. Nel mio caso questo è un requisito fondamentale dato che ho parecchie cicatrici lasciate dall’acne e un prodotto troppo denso e pastoso le metterebbe in risalto in maniera terribile. Questo prodotto vanta una texture morbida e leggera, ottengo risultati soddisfacenti sia applicandolo con le dita che con i miei amati pennelli – ciao Expert face brush,ti voglio bene assaij – .

qqq

qqqqqq

Il finish è semi opaco,la perfetta via di mezzo tra l’effetto cipriato e quello luminoso.Non fa l’effetto “piatto” tipico dei fondotinta dal finish opaco e illumina il viso in modo naturale. L’effetto è quello di una pelle sana e naturalmente priva di rossori.
La durata è ottima e basta un velo di cipria – specie nei mesi caldi – perchè il prodotto duri tranquillamente più di 7 ore. Se sto fuori per molto tempo ritocco con un altro po’ di cipria e via,verso l’infinito e oltre.

P1170567
da sinistra: 
L’Oreal “Accord Parfait” n°1 Ivory – Bourjois Healty Mix Serum n°52 vanilla – Bourjois 123 Perfect n°51 Light vanilla – Chanel Vitalumiere Aqua n°10 beige – Maybelline Fit Me n°105

Per concludere direi che questo è davvero un ottimo fondotinta, uno dei miei preferiti in assoluto e sicuramente quello che scelgo quando voglio andare sul sicuro e ho bisogno di una buona base, coprente ma naturale allo stesso tempo. L’unica pecca,quella che riguarda tutti i prodotti del marchio purtroppo, è la reperibilità. Potete acquistare i prodotti Bourjois solo online ma vi assicuro che ne vale la pena.
I siti che trattano il marchio sono : Asos, amazon uk, Feelunique, Maquillez Vous .

E voi,avete mai provato questo fondotinta? vi incuriosisce? siete svenute alla vista della mia faccia completamente struccata? parliamone,affrontare i traumi è importante.

Review/ Bourjois 123 Perfect Fondotinta